Negli spazi liberati di Napoli (Gli Asini)

clipular-2

[pubblicato sul numero di aprile 2017 de Gli Asini, rivista diretta da Goffredo Fofi]

 

Arrivando a Napoli da Genova si sente una sorta di continuità. Sarà il mare, i vicoli scuri, le stradine in salita o quella mescolanza umana fonte di contraddizioni che è tipica di questi grandi centri storici, porti di mare. Da qualche anno a Napoli si occupano, o meglio si “liberano”, spazi urbani degradati, rimasti per decenni a marcire come buchi neri in pieno centro, invisibili laddove i quartieri faticano proprio a prendere respiro. Un giro tra gli spazi liberati, insolito tour, è l’occasione per gettare uno sguardo su questi processi urbani e sociali, a volte spontanei e a volte organizzati, in generale non comuni a tutti i contesti, né semplici da giudicare. Inizia tutto con qualche persona fidata che ti mette la pulce nell’orecchio. “Vai a dare un’occhiata, là si muove qualcosa di significativo, in controtendenza con l’assopimento generale”. Cercando su Internet è facile trovare qualche sito che racconta la storia delle recenti occupazioni, promuove le iniziative e le assemblee, le inquadra in processi più o meno politici. Mappa alla mano, segnando la posizione si scopre che molti dei luoghi liberati si situano in un triangolo di centro storico tra il Duomo, l’Università e Mater Dei, facilmente attraversabile a piedi.

Di primo mattino L’Asilo (ex Asilo Filangeri) è praticamente deserto, e inondato di sole. E’ un complesso grande e nuovo, un luogo accogliente che si sviluppa su tre piani, con un cortile stretto e lungo dove sono stati ricavati dei piccoli orti urbani. Lo hanno liberato i lavoratori delle arti e dello spettacolo per farne una comunità di produzione e divulgazione artistico-sociale. Gli spazi erano già in buono stato, ma sono stati attrezzati in funzione delle performance: quella che era una cappella è oggi sala per assemblee e incontri; al secondo piano il vecchio refettorio ospita tutti i giorni prove teatrali e costruzione di scenografie, cui è dedicata anche un’ala chiamata L’Officina. Il calendario settimanale è denso: mattino, pomeriggio e sera si susseguono allenamenti acrobatici, improvvisazione corporea, prove di compagnie, riunioni organizzative per le rassegne culturali. Un’anticamera è tappezzata con le locandine di tutti gli eventi creati fino ad oggi: colpisce l’alta qualità di relatori e artisti, l’attenzione ad affiancare l’arte e la riflessione collettiva su temi locali o internazionali. L’espressione corporea, sportiva, circense o artistica, abbonda tra le attività dell’Asilo, in questo limbo ufficialmente fuori dalla legalità, dove traspira il senso dell’azione collettiva, battagliera, che inventa uno spazio prima non esistente. E se fosse creato istituzionalmente, o dall’imprenditoria, avrebbe la stessa carica, lo stesso clima di valore, la stessa motivazione a sperimentare?

Dopo un paio di passaggi invano, trovo aperta la porticina di legno di Santa Fede Liberata…

Continua a leggere acquistando online la rivista Gli Asini

Caro papa Francesco, quando verrai a Genova… (LiguriTutti)

Udienza generale di Papa Francesco

Caro Francesco, quando verrai a Genova abbi pietà di noi. E di una chiesa orfana da troppi anni di cura pastorale fresca, innovativa, essenziale, entusiasta.

Porta la tua benedizione e la tua gratitudine ai tanti preti e religiosi – ho negli occhi i loro volti – che nonostante tutto hanno resistito, hanno cercato il Vangelo, hanno prediletto i poveri, hanno anteposto l’amore e la fratellanza a fredde dottrine e formalismi nostalgici. Porta la tua carezza a tutte le famiglie, le coppie, gli anziani, i giovani, che nonostante tutto hanno cercato di incarnare una chiesa in uscita, dribblando direttive e impostazioni antiquate, staccate dalla realtà, che dall’alto continuavano a calare, aride.

Troverai a Genova svolazzanti talari segno di identità fragili e del bisogno di affermarsi, rivendicarsi, distinguersi. Perdona e porta pazienza per coloro che hanno subito una formazione e una direzione rigida, superata, imbalsamante. Sappi che diversi giovani che avrebbero volentieri servito questa chiesa da sacerdoti, sono stati ostacolati proprio a causa di una loro impostazione più aperta e della loro preparazione…

Continua a leggere su LiguriTutti

La marsigliese cristiana di monsignor Granara

“Siamo tutti un po’ avvelenati. Respiriamo veleno da mattina a sera. Non si ragiona più con ragioni, ma con emo­zioni forzate, rabbiose e violente. È una cultura diffusa che ci avvolge. Per farci sentire bisogna urla­re, per farci prendere sul serio occorre minacciare denunce e non pacate riflessioni condivise. E così non ci si accorge che la ricerca di un benessere a senso unico produce invece malessere. Il male oscuro moderno non è solo la pesante depressione che sembra insuperabile, ma il “non senso” diffuso, la sproporzione tra la domanda interiore e le risposte non appaganti del tutto. Siamo di­ventati prevalentemente “consumatori di cose” e non cer­catori affamati di senso… Come cambiare la nostra vita? Come rivoluzionare le nostre priorità?”

Dal libro Prima di tutto cercate di Marco Granara, a cura di Giacomo D’Alessandro, Gabrielli Editori, aprile 2017.

Leggi la presentazione su Liguri Tutti

Acquista il volume

Chiudere cosa?

17795797_10210130050100375_2820060004838459170_n

C’è chi vuole chiudere le frontiere, chi gli occhi, chi i luoghi pubblici.

Battaglie sprecate.

Io vorrei chiudere le fabbriche di armi, le banche armate, le operazioni finanziarie speculative, le istituzioni internazionali non democratiche, le industrie che sforano gli standard ambientali, le lobby dei combustibili fossili.

Differenze…

Prima di tutto cercate. Un libro di don Marco Granara

E’ uscito il 10 aprile 2017 “Prima di tutto cercate“, un libro di don Marco Granara, prete genovese, rettore del Santuario della Guardia e presidente della Fondazione Antiusura. Il volume è ideato e curato da Giacomo D’Alessandro, edito da Gabrielli Editori e introdotto dalle prefazioni di Paolo Curtaz, Mirco Mazzoli, Mario Baucia, Matteo Moretti e Giancarlo Campora.

E’ disponibile in vendita presso il Santuario della Guardia, il Centro Banchi Genova, ordinabile nelle librerie e online a questo link. Di seguito la copertina e la presentazione dell’opera.

Copertina don Granara def

Se potessimo oggi dare voce alle domande, ai dubbi e alla sete interiore di tanta “gente comune”, cosa scopriremmo? Oltre il caos mediatico e le rappresentazioni pubblicitarie, cosa ci direbbe la realtà? Di cosa hanno fame le persone?
Da oltre 10 anni don Marco Granara raccoglie domande di questo genere sulla rivista La Guardia. E con puntualità e passione tenta di rispondere, argomentare, ma soprattutto dialogare francamente senza tabù né preclusioni.
Uno studente di 50 anni più giovane, esplorando questo insolito dialogo a più voci, scopre di volta in volta qualcosa di provocatorio e stimolante. Comincia a collezionare gli spunti e i linguaggi più intriganti con cui don Granara “mastica” riflessioni ad ampio raggio: dalle guerre in Medio Oriente alle nuove povertà sociali ed esistenziali, dal capitalismo fallimentare alle migrazioni, dal ruolo di preti e vescovi al senso delle religioni.
Cosa rimane oggi del Cristianesimo? Cosa resta valido e cosa ha fatto il suo tempo? Districandosi tra le molte e contraddittorie voci sulla piazza, c’è molto da rifare da capo, molto da gustare meglio, e tanto da mettere in pratica dopo troppe parole al vento. Agendo nel mondo per modificare quelle “strutture di peccato” che creano disuguaglianza, tolgono dignità, generano violenza.
“La prima difficoltà – scrive don Granara – oggi, tempo della cultura individualistica e radical-borghese che ci invita tutti a “farci i fatti nostri”, è quella di credere possibile e doveroso il passaggio dal sognare da soli al sognare in gruppo”. “Non è solo questione di uscire, prima o poi, bene o male, dalla crisi economico-finanziaria, ma di uscirne diversi e mi6
gliori. Quando tutto questo ha come vittima il più debole, il meno garantito e protetto… siamo una società che lavora per il suo suicidio”. “Siamo chiamati a demandare ad altri (Padreterno e Madonne) i compiti nostri o ad andare alle radici di ogni vero cambiamento, con noi protagonisti?”
“Cercare prima l’essenziale” è l’anima, il filo rosso delle 100 pillole raccolte in questo libro. Un supporto per le persone in ricerca, entusiaste o scoraggiate, lontane o vicine, credenti o non credenti. Sono 100 semi di discussione da meditare nella quotidianità, da chiacchierare (e criticare!) tra amici, da utilizzare in gruppo. Per capirne di più e rispondere a qualche dubbio, per ripensare il proprio percorso senza accontentarsi della vita così come viene. Chiedendosi, di fronte a un mondo complesso: “Gesù cosa dice? Gesù come vive? Io come oriento la mia vita? Io come contribuisco a cambiare il mondo?”.

Giacomo D’Alessandro

***

Dalla quarta di copertina:

Siamo tutti un po’ avvelenati. Respiriamo veleno da mattina a sera. Non si ragiona più con ragioni, ma con emo­zioni forzate, rabbiose e violente. È una cultura diffusa che ci avvolge. Per farci sentire bisogna urla­re, per farci prendere sul serio occorre minacciare denunce e non pacate riflessioni condivise. E così non ci si accorge che la ricerca di un benessere a senso unico produce invece malessere. Il male oscuro moderno non è solo la pesante depressione che sembra insuperabile, ma il “non senso” diffuso, la sproporzione tra la domanda interiore e le risposte non appaganti del tutto. Siamo di­ventati prevalentemente “consumatori di cose” e non cer­catori affamati di senso… Come cambiare la nostra vita? Come rivoluzionare le nostre priorità?

Marco Granara

Elezioni Comunali Genova

panorama20centro20storico20orizzontale2040enrico20monaci

#ComunaliGenova
[fuori e oltre i politicismi]

Il candidato sindaco più in gamba? Simone Leoncini.
La visione di città più innovativa? I giovani di Rete a Sinistra.
La maggiore occasione mancata? Non fare le primarie.
Gli strateghi peggiori di sempre? I dirigenti del PD locale.
L’ultima speranza?
Che tutti i fautori del gran casino (prevedibile, cercato, voluto) ormai combinato usino i mesi restanti per far tesoro delle migliori forze in campo. Per raccogliere le idee più concrete e aperte di cambiamento radicale della città. Per coinvolgere le persone giuste al posto giusto.

P.S. Premio Autodistruzione Gratuita al Movimento 5 Stelle locale. Non forse a livello elettorale. Sicuramente a livello credibilità.